Informazioni personali

La mia foto
Amo riflettere e ragionare su quanto vedo e sento.

Benvenuto nel mio blog

Dedicato a quei pochi che non hanno perso, nella babele generale, la capacità e la voglia di riflettere e ragionare.
Consiglio, pertanto, di stare alla larga a quanti hanno la testa imbottita di frasi fatte e di pensieri preconfezionati; costoro cerchino altri lidi, altre fonti cui abbeverarsi.

Se vuoi scrivermi, usa il seguente indirizzo: mieidee@gmail.com
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

31 maggio 2011

L'esito dei ballottaggi come un rovescio irresistibile


Ha cercato con forza un referendum su se stesso, sul suo stile (?) pubblico e privato, sulle sue (non) scelte politiche ed economiche, sulla sua maggioranza sbrindellata e guascona, e l'ha avuto perfettamente rovesciato: i senza cervello ed ex coglioni gli hanno assestato una doppietta micidiale: un comunista gentile nella sua Milano e un pm che vede come fumo negli occhi a Napoli.
Le sue frasi celebri durante la campagna elettorale: Non è un voto ordinario per sindaci e presidenti di provincia: è un voto su di me e sul mio governo. È un voto su cui si gioca il futuro mio e della legislatura - Sono i nostri a essere andati in massa a votare. Ancora una volta la spunteremo e sarà tutto merito mio e dell’impronta che ho dato a questa campagna.

I suoi insulti e le sue bugie, le sue offese e le sue barzellette blasfeme finalmente gli si rivoltano contro perché i cittadini sono ormai stufi di vedere un ciarlatano a Palazzo Chigi che pensa e fa leggi per sè, annuncia riforme e lascia allo sbando il Paese; ridono, per non piangere, quando lo vedono inadeguato e fuori posto in consessi internazionali; fuggono quando compare in TV, a reti unificate, a ripetere le geremiadi di sempre, mai riconoscendo i propri errori.

Ma non solo da Napoli e Milano, la batosta gli è arrivata da comuni e capoluoghi piccoli e grandi, non ultima la sua Arcore.


Se avesse senso dello Stato e delle istituzioni, se avesse rispetto per il responso dei cittadini, se avesse a cuore la sua stessa parte politica, riconoscerebbe la grave sconfitta personale e farebbe un passo indietro per consentire una fase di decantazione e ripartenza. Ma non lo farà, ne sono certo, e galleggerà fino a quando la batosta non gli arriverà in testa. 

Lo attenderemo fino alla resa dei conti, allora sarà davvero un tripudio!

Nessun commento:

Posta un commento

Stai per lasciare un commento? Lo leggerò volentieri ma ti chiedo per correttezza di firmarlo. In caso contrario sarò costretto a cestinarlo.
Ti ringrazio, Victor

Il miglior motore di ricerca