Informazioni personali

La mia foto
Amo riflettere e ragionare su quanto vedo e sento.

Benvenuto nel mio blog

Dedicato a quei pochi che non hanno perso, nella babele generale, la capacità e la voglia di riflettere e ragionare.
Consiglio, pertanto, di stare alla larga a quanti hanno la testa imbottita di frasi fatte e di pensieri preconfezionati; costoro cerchino altri lidi, altre fonti cui abbeverarsi.

Se vuoi scrivermi, usa il seguente indirizzo: mieidee@gmail.com
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

08 maggio 2011

LAMPEDUSA: tra sbarchi e spot della Brambilla

Si provi ad immaginare l'effetto che possono avere gli spot della Brambilla sui Lampedusani e sugli stessi immigrati che quotidianamente sbarcano sulle coste dell'isola.
A chi si rivolge questo ministro del c....? Lampedusa non ha bisogno di essere scoperta dal turismo nazionale ed internazionale. Le sue bellezze naturali, il suo mare con i suoi fondali, la semplicità e generostà degli abitanti sono noti ai visitatori da sempre.

Basta guardare questi video, che si rincorrono tra un TG e l'altro, per cogliere lo stridente contrasto tra la realtà il velleitario tentativo di nasconderla.

LAMPEDUSA secondo Brambilla: fare caso anche al suo italiano!














Lampedusa è l'isola più lontana dalla Sicilia e l'isolamento ha sempre reso particolarmente drammatici i problemi sanitari. A Lampedusa sono state condotte battaglie storiche sulla sanità, manifestazioni popolari partecipatissime, in tempi in cui non si aveva praticamente nulla, se non i medici di base.
Il comportamento dei lampedusani, si dice, è avanti di cinquant'anni rispetto al resto dell'Italia. Tutti gli operatori di Lampedusa, politici, turistici, alberghieri, commercianti, i semplici cittadini, accolgono gli immigrati facendo il possibile per manifestare la loro solidarietà e una accoglienza calda e civile.
Vedi:
Lampedusa 35°
Punta Sottile

È la politica italiana che deve scoprire la sua punta più avanzata nel Mediterraneo o, se si vuole, la porta dell'Europa. E dovrebbe ricordarsene nei lunghi mesi invernali, quando l'isola e i suoi abitanti rimangono per intere settimane isolati dal resto del mondo, privati dei servizi urgenti come l'approviggionamento di acqua e dei prodotti di prima necessità.

Oggi le cose cominciano a cambiare ma non con gli spot della Brambilla o con la politica del governo sugli immigrati.

Nessun commento:

Posta un commento

Stai per lasciare un commento? Lo leggerò volentieri ma ti chiedo per correttezza di firmarlo. In caso contrario sarò costretto a cestinarlo.
Ti ringrazio, Victor

Il miglior motore di ricerca