Informazioni personali

La mia foto
Amo riflettere e ragionare su quanto vedo e sento.

Benvenuto nel mio blog

Dedicato a quei pochi che non hanno perso, nella babele generale, la capacità e la voglia di riflettere e ragionare.
Consiglio, pertanto, di stare alla larga a quanti hanno la testa imbottita di frasi fatte e di pensieri preconfezionati; costoro cerchino altri lidi, altre fonti cui abbeverarsi.

Se vuoi scrivermi, usa il seguente indirizzo: mieidee@gmail.com
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

04 marzo 2012

Ciao Lucio

Te ne vai con i tuoi angeli e le tue rondini dopo avere conosciuto la profondità del mare e il dramma dello stare al mondo; ci hai accompagnato per cinquant'anni con le tue canzoni ma la tua musica rimarrà con noi mentre tu raggiungerai le stelle.  

La Chiesa istituzionale ti concede funerali in San Petronio ma non vuole che nelle sue navate risuonino le tue note.  
Sono certo che esse riecheggeranno altissime in tutte le piazze e strade d'Italia.  



Certo, nessuno pensa di mettere un juke-box sull'altare di San Petronio o una pianola nel confessionale. Però fatico a comprendere quale danno produrrebbe alla dimensione spirituale dell'evento la presenza di un violinista che accogliesse l'ingresso della bara con gli accordi di 4 marzo 1943. La rigidità dei principi rimane un dono finché non si trasforma nell'incapacità di sintonizzarsi sul sentimento comune, su quella voce d'angelo che per sempre ci canterà "aspettiamo che ritorni la luce - di sentire una voce - aspettiamo senza avere paura domani". da Funeral party di Massimo Gramellini su La Stampa 



Quasi un testamento spirituale, la sua ultima Henna



Roberto Vecchioni: E’ stato il cantore di ogni sfumatura dell’affettività. Nei suoi versi comprende tutto l’umano, dal dramma dello stare al mondo a quello politico e sociale. C’è il senso del riscatto, la forza della rivincita. 
Andrea Mingardi: Mi sento come se avessi giocato finora a biliardo e all’improvviso il mio compagno non c’è più. 

L'ultima intervista: Io, l'amore, la musica
Dalla e la fede: In ogni uomo vedo Gesù
Quell’anarchico - religioso di Lucio Dalla
Lucio Dalla è un peccatore: no al funerale religioso

1 commento:

  1. anna5.3.12

    a me quello che veramente mi ha allibito, (eufemismo) e rattristato ancor di più, in questi giorni, sino a liturgia conclusa o quasi (ci ha pensato la struggente dichiarazione d'Amore di Marco, a porre fine a quello che ritengo essere stato un atteggiamento incredibilmente ipocrita ) è stato leggere su tutta la stampa, le arrampicate sugli specchi per evitare di chiamare "compagno" di vita, il suo compagno appunto. e qualche dubbio su come sono andate le cose è venuto a molti. e siamo nel 2012........
    ciao e grazie del ricordo di questo grande Poeta.

    RispondiElimina

Stai per lasciare un commento? Lo leggerò volentieri ma ti chiedo per correttezza di firmarlo. In caso contrario sarò costretto a cestinarlo.
Ti ringrazio, Victor

Il miglior motore di ricerca