Informazioni personali

La mia foto
Amo riflettere e ragionare su quanto vedo e sento.

Benvenuto nel mio blog

Dedicato a quei pochi che non hanno perso, nella babele generale, la capacità e la voglia di riflettere e ragionare.
Consiglio, pertanto, di stare alla larga a quanti hanno la testa imbottita di frasi fatte e di pensieri preconfezionati; costoro cerchino altri lidi, altre fonti cui abbeverarsi.

Se vuoi scrivermi, usa il seguente indirizzo: mieidee@gmail.com
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

26 dicembre 2011

Giorgio Bocca ci lascia proprio nel giorno di Natale

Chi, come me, lo ricercava nella sua rubrica l'Antitaliano sull'Espresso, sulle pagine di Repubblica o del Venerdì, ne ricorda lo stile scabro, asciutto come il suo carattere.  

Indisponibile ai modi caramellosi e sdolcinati di tanti esponenti del giornalismo nostrano, si era guadagnato la simpatia dei suoi lettori con la coerenza e autenticità di pensiero e con la fedeltà ai valori di libertà e giustizia che lo avevano accompagnato nel corso dei suoi 90 anni di vita.  

Da giornalista si mostrava votato alla ricerca della verità e interpretazione della realtà, come da combattente aveva individuato nella scelta partigiana la via della liberazione dalla dittatura fascista.  
Sempre schivo, schietto e disincantato, non aveva peli sulla lingua ed era tranciante nei suoi giudizi. Come quando di Vespa dice che non è un giornalista, è un servo di regime, o di Berlusconi, il tiranno che vuole essere amato, che è peggio di Mussolini. Non cercava di essere simpatico ad ogni costo: era ruvido e pungente, come le sue montagne che amava, che lo avevano visto affrontare i rischi della guerra partigiana con l'animo sereno di chi sa di stare dalla parte giusta. 

Addio Giorgio, la tua vita e i tuoi scritti rimangono viatico credibile 
per quanti ancora vogliono credere e lottare.  

Giorgio Bocca, partigiano e scrittore Difese e spiegò i valori della Resistenza 
L'oscenità in politica  L'ultimo articolo di Giorgio Bocca
Giornali e televisioni sembrano dominati dalla foia delle immagini lubriche, dell’umorismo da caserma.
Il coraggio della verità, videostoria di Giorgio Bocca 
Ezio Mauro: Una bussola per tutta la vita

Nessun commento:

Posta un commento

Stai per lasciare un commento? Lo leggerò volentieri ma ti chiedo per correttezza di firmarlo. In caso contrario sarò costretto a cestinarlo.
Ti ringrazio, Victor

Il miglior motore di ricerca