Informazioni personali

La mia foto
Amo riflettere e ragionare su quanto vedo e sento.

Benvenuto nel mio blog

Dedicato a quei pochi che non hanno perso, nella babele generale, la capacità e la voglia di riflettere e ragionare.
Consiglio, pertanto, di stare alla larga a quanti hanno la testa imbottita di frasi fatte e di pensieri preconfezionati; costoro cerchino altri lidi, altre fonti cui abbeverarsi.

Se vuoi scrivermi, usa il seguente indirizzo: mieidee@gmail.com
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

10 dicembre 2011

Chiesa e Mediaset: 2 palle ai piedi per il Sistema Italia

Fino a quando Mediaset e Chiesa avranno i loro partiti, più o meno trasversali, i loro portavoce, più o meno autorizzati dentro il Parlamento e le Istituzioni civili, non sarà facile assicurare al Paese quella sana e laica evoluzione verso la democrazia compiuta da tutti auspicata. 
Neanche il Governo cosiddetto tecnico, dell' emergenza, riesce a considerare l'opportunità di mettere all'asta le frequenze TV che il padrone di Mediaset nell'ultimo scorcio del suo governo (sì, perché per troppi anni ha sgovernato questa povera Italia!) si era - motu proprio - gratuitamente attribuito.   
Neanche il Governo chiamato a risanare le finanze del Paese riesce a mettere le mani sui privilegi nel tempo garantiti alla Chiesa da governi imbelli e indegni, fino all'esenzione dell'ICI sugli immobili dalla stessa destinati ad attività commerciali produttive.  

Più facile, molto più facile scaricare tutto il peso di una manovra gravosa e iniqua sulle spalle dei pensionati, degli operai, dei dipendenti pubblici, delle famiglie e, in ultima analisi, dei giovani e delle donne, le categorie sociali in nome delle quali è stata ideata. 

Ha un bel dire il tecnico Monti che se lo può permettere proprio perché non deve sottoporsi al giudizio elettorale. Proprio per questa ragione ci saremmo aspettati che l'EQUITÀ fosse la sua stella polare e che mettesse mano al suo programma di salvezza nazionale attaccando proprio quei privilegi insopportabili che gridano vendetta al cospetto di Dio e degli uomini. Sfidando in questa scelta coraggiosa i veti incrociati di un Parlamento squalificato che avremmo voluto vedere con che animo avrebbe bocciato scelte sacrosante e improcrastinabili.  

Ma non è andata così e ce ne rammarichiamo! 

Il coraggio, uno, se non ce l'ha, mica se lo può dare!  

4 commenti:

  1. Anonimo10.12.11

    Parole sacrosante non so chi e' la peggiore.

    RispondiElimina
  2. Anonimo10.12.11

    Nel 1789, in Francia, clero e nobiltà erano saldamente ancorati ai loro privilegi. Oggi, in Italia, clero e "casta" fanno altrettanto. Ma la storia non insegna proprio nulla?

    RispondiElimina
  3. Se si rastrellassero ogni anno i 13 miliardi di euro che un sottogoverno confessionale continua a donare alla Città del Vaticano, sottraendoli con la menzogna dalle tasche della povera gente, se si recuperassero tutti gli introiti dell’ICI (il valore degli immobili vaticani ammonta per difetto a 30 miliardi di euro), la smetteremmo di parlare di debito pubblico (altra bufala) , di crisi delle pensioni, di tagli ai rinnovi contrattuali, alla sanità, alla scuola pubblica, all’arte, alla musica e allo spettacolo… Grazie a Berlusklaun il Vaticano, il più ricco Stato del Mondo, non paga più neppure l’ICI, i suoi monumenti privati sono ristrutturati con le tasse imposte ai lavoratori italiani, e gli istituti cattolici sono finanziati con i soldi di noi tutti, non con le offerte dei fedeli o delle aziende di Berlusconi, abbastanza ricche da permetterselo. Siamo il solo caso nel mondo in cui una popolazione multirazziale e multiconfessionale deve obbligatoriamente versare i propri contributi per farsi indottrinare. Atei, non credenti, agnostici, musulmani, ebrei, protestanti ed induisti, le cui tasse statali sono devolute molto benignamente ad una ideologia religiosa che li combatte accanitamente e che se potesse tornerebbe ad accendere nuovi roghi! È come se gli Italiani – il paragone non vi sembri forzato – fossero costretti a finanziare l’Iran per lasciarsi plagiare: è la stessa identica cosa, anche se sembra assurda. Ma come ha detto qualcuno: “Il Vaticano è uno stato! L’Italia no!”. DA: LA RELIGIONE CHE UCCIDE
    COME LA CHIESA DEVIA IL DESTINO DELL’UMANITÀ
    (Nexus Edizioni), giugno, 2010.
    517 pagine, 130 immagini, € 25

    http://www.shopping24.ilsole24ore.com/sh4/catalog/Product.jsp?PRODID=SH246200038
    http://www.macrolibrarsi.it/libri/__la-religione-che-uccide.php
    http://shop.nexusedizioni.it/libri_editi_da_nexus_edizioni_la_religione_che_uccide.html

    RispondiElimina
  4. Grazie Alessio, per il contributo di informazione.

    RispondiElimina

Stai per lasciare un commento? Lo leggerò volentieri ma ti chiedo per correttezza di firmarlo. In caso contrario sarò costretto a cestinarlo.
Ti ringrazio, Victor

Il miglior motore di ricerca