Informazioni personali

La mia foto
Amo riflettere e ragionare su quanto vedo e sento.

Benvenuto nel mio blog

Dedicato a quei pochi che non hanno perso, nella babele generale, la capacità e la voglia di riflettere e ragionare.
Consiglio, pertanto, di stare alla larga a quanti hanno la testa imbottita di frasi fatte e di pensieri preconfezionati; costoro cerchino altri lidi, altre fonti cui abbeverarsi.

Se vuoi scrivermi, usa il seguente indirizzo: mieidee@gmail.com
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

20 gennaio 2013

Sallusti - Santanchè. Sempre alla ribalta!

Ma perché li invitano? Non se ne può più!   

L’AMACA di Michele Serra su la Repubblica  

Si capisce che l'insulto a freddo di Sallusti a Ingroia (“Sei un mascalzone!”) non sia piaciuto a quest'ultimo, che molto probabilmente deciderà di arricchire la già mirabolante collezione di querele (migliaia? milioni? miliardi?) del direttore del Giornale. Ma gli appassionati del genere noir, che in Sallusti vedono la star più amata dai tempi di Bela Lugosi e Christopher Lee, avranno certamente potuto apprezzare la spettacolare sequenza nella quale, senza alcun percettibile trasalimento del viso – la cui fissità spiritata desta terrore perfino in fotografia – e senza che il gelido tono robotico della voce lasciasse presagire una così aspra impennata polemica, egli dà del mascalzone a Ingroia. Gli schiamazzi in studio (si era dalla Annunziata, povera donna) hanno coperto le successive voci. Ma a freddo, rivedendo la breve sequenza, perfino Ingroia non potrà che ammirare la totale gratuità dell'insulto, diciamo la sua spettacolare insensatezza, come lo sputo in faccia a tradimento, o l'improvviso calcio nelle parti basse durante un duello tra fiorettisti. Insomma quelle doti che hanno fatto di Sallusti il divo incontrastato del giornalismo nero. 


Nemmeno la dolce Daniela, con la sua bocca che tutto può, riesce ad ammorbidire la straripante, insensata, sgradevole rozzezza del suo eloquio. Ospite di Quinta Colonna, l'11 gennaio scorso la simpatica cialtrona, replicando a una signora che in collegamento esterno attaccava i politici che non sanno fare niente, aveva dichiarato col suo solito ghigno supponente: Se avessi qui in studio una vacca, le dimostrerei tranquillamente che la so mungere

Io non ho capito bene se voleva dimostrarlo all'interlocutrice o alla supposta vacca e sono convinto che qualcos'altro le sarebbe più consono che mungere una vacca. 

1 commento:

  1. Genere HORROR.
    Lui e la sua porno-bambola gonfiabile.
    Cristiana

    RispondiElimina

Stai per lasciare un commento? Lo leggerò volentieri ma ti chiedo per correttezza di firmarlo. In caso contrario sarò costretto a cestinarlo.
Ti ringrazio, Victor

Il miglior motore di ricerca