Informazioni personali

La mia foto
Amo riflettere e ragionare su quanto vedo e sento.

Benvenuto nel mio blog

Dedicato a quei pochi che non hanno perso, nella babele generale, la capacità e la voglia di riflettere e ragionare.
Consiglio, pertanto, di stare alla larga a quanti hanno la testa imbottita di frasi fatte e di pensieri preconfezionati; costoro cerchino altri lidi, altre fonti cui abbeverarsi.

Se vuoi scrivermi, usa il seguente indirizzo: mieidee@gmail.com
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

06 dicembre 2010

Sarah, Yara e la malatelevisione

Chi si ricorda più dei due anziani sgozzati nel centro storico di Licata, nell'Agrigentino, il 20 ottobre scorso? Le vittime sono Antonino Timoneri, 82 anni, ex sindacalista in pensione, e la moglie Rita Di Miceli, 81 anni. 
TV e giornali hanno dato la notizia in cronaca nera e tutto è finito lì. Non sappiamo come procedono le indagini e se sono stati individuati i responsabili del duplice delitto, e nessuno sembra volerne sapere di più.

Ma della povera Sarah Scazzi, dei suoi familiari, dei suoi presunti assassini, del suo paese si sa ormai tutto e il contrario di tutto. La sua storia è diventata ormai una telenovela con appuntamenti regolari e continuati nei vari programmi di intrattenimento in TV. Con inviati speciali, consulenze di esperti e non, in un circo mediatico vomitevole. Non è ancora chiusa questa brutta storia ambiantata in un piccolo centro della Puglia, che appare alla ribalta della cronaca a puntate la triste vicenda di un'altra ragazzina, Yara Gambirasio, scomparsa nel tratto di strada fra la sua casa e il centro sportivo che frequentava, a Brembate Sopra nella Bergamasca.  

Ore e ore di trasmissioni televisive che sembrano avere lo scopo di ottundere le capacità di analisi e riflessione dei malcapitati telespettatori. Il bello, poi, è che i conduttori di questi programmi di pseudo approfondimento tornano sul loro misfatto invitando gli pseudo esperti a non anticipare valutazioni che spettano alla magistratura e giustificano la loro insistenza su questi argomenti con la motivazione, tutta da dimostrare, che il pubblico li richiede.

Il pubblico dei teledipendenti, assuefatto a quello che viene offerto con dovizia di particolari, si lega morbosamente a quanto gli viene propinato come ad una vera e propria telenovela a puntate e non aspetta altro in TV. Se anche alla vicenda dei due anziani sgozzati a Licata fosse stato dato lo stesso risalto che viene dato alle povere Yara e Sarah, anche quella sarebbe diventata una telenovela. E i programmatori TV questo lo sanno.

Allora mi chiedo:
  • Chi e cosa determina la scelta delle notizie di cronaca che (de)meritano un tale trattamento?
  • Ci si rende conto che servizi di tale natura possono intralciare pesantemente l'attività d'indagine?
  • Si capisce o no che un'insistenza morbosa su fatti inquietanti può produrre emulazione in soggetti deboli?
  • Ci si rende conto che ci sono tanti mitomani che, per una comparsata in TV, sarebbero disposti a tutto?

Io - e con me tanti teleutenti - vorrei che la TV fosse più sobria, si limitasse in questi frangenti ad informarci e lasciasse a chi di dovere la ricerca della verità.
Vi sembra chedere troppo? O troppo poco?


Lo sconcerto di don Corinno Scotti, parroco di Brembate Sopra, in una lettera a L'Eco di Bergamo

Nessun commento:

Posta un commento

Stai per lasciare un commento? Lo leggerò volentieri ma ti chiedo per correttezza di firmarlo. In caso contrario sarò costretto a cestinarlo.
Ti ringrazio, Victor

Il miglior motore di ricerca