Informazioni personali

La mia foto
Amo riflettere e ragionare su quanto vedo e sento.

Benvenuto nel mio blog

Dedicato a quei pochi che non hanno perso, nella babele generale, la capacità e la voglia di riflettere e ragionare.
Consiglio, pertanto, di stare alla larga a quanti hanno la testa imbottita di frasi fatte e di pensieri preconfezionati; costoro cerchino altri lidi, altre fonti cui abbeverarsi.

Se vuoi scrivermi, usa il seguente indirizzo: mieidee@gmail.com
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

06 gennaio 2009

Non posso che tornare con sgomento sull’attacco alla Striscia di Gaza


Gaza: 130 bombardamenti nella notte

(ANSA) - GERUSALEMME, 5 GEN - L'aviazione israeliana ha attaccato questa notte 130 obiettivi nella Striscia di Gaza. Sempre nella notte le forze terrestri israeliane hanno continuato la loro avanzata, appoggiate dall'artiglieria navale. Negli attacchi sono rimasti uccisi tre bambini palestinesi da un colpo sparato da un carro armato israeliano, mentre erano nella loro casa nel quartiere Zeitoun di Gaza.
Numerosi i feriti nello stesso episodio.

Voglio partire dalla lettere di Luisa Morgantini ai politici perchè mi ha fatto riflettere molto.

LETTERA AI POLITICI ITALIANI E NON SOLO
da parte di Luisa Morgantini Vice Presidente del Parlamento Europeo
Roma, 3 Gennaio 2009
Non una parola, non un pensiero, non un segno di dolore per le centinaia di persone uccise, donne, bambini, anziani e militanti di Hamas, anche loro persone. Case sventrate, palazzi interi, ministeri, scuole, farmacie, posti di polizia. Ma dove è finita la nostra umanità. Dove sono i Veltroni, con i loro “I care”, come si può tacere o difendere la politica di aggressione israeliana. La popolazione di Gaza e della Cisgiordania, i palestinesi tutti, pagano il prezzo dell’incapacità della Comunità Internazionale di far rispettare ad Israele la legalità internazionale e di cessare la sua politica coloniale. Certo Hamas con il lancio dei razzi impaurisce ed è una minaccia contro la popolazione civile israeliana, azioni illegali e criminali, da condannare. Bisogna fermarli. Ma basta con l’impunità di Israele e dei ricatti dei loro gruppi dirigenti.
Dal 1967 Israele occupa militarmente i territori palestinesi, una occupazione brutale e coloniale. Furto di terra, demolizione di case, check point dove i palestinesi vengono trattati con disprezzo, picchiati, umiliati, colonie che crescono a dismisura portando via terra, acqua, distruggendo coltivazioni. Migliaia di prigionieri politici, ai quali sono impedite anche le visite dei familiari. Ma voi dirigenti politici, avete mai visto la disperazione di un contadino palestinese che si abbraccia al suo albero di olivo mentre un bulldozer glielo porta via e dei soldati che lo pestano con il fucile per farglielo lasciare, o una donna che partorisce dietro un masso e il marito taglia il cordone ombelicale con un sasso perché soldati israeliani al check point non gli permettono di passare per andare all’ospedale, o Um Kamel, cacciata dalla sua casa, acquistata con sacrifici perché fanatici ebrei non sopravissuti all’olocausto ma arrivati da Brooklin, pensando che quella terra e quindi quella casa sia loro per diritto divino, sono entrati di forza e l’hanno occupata perché vogliono costruire in quel quartiere arabo di Gerusalemme un'altra colonia ebraica. Avete mai visto i bambini dei villaggi circostanti Tuwani a sud di Hebron che per andare a scuola devono camminare più di un ora e mezza perché nella strada diretta dal loro villaggio alla scuola si trova un insediamento e i coloni picchiano ed aggrediscono i bambini, oppure i pastori di Tuwani che trovano le loro taniche d’acqua o le loro pecore avvelenate da fanatici coloni, o la città di Hebron ridotta a fantasma perché nel centro storico difesi da più di mille soldati 400 coloni hanno cacciato migliaia di palestinesi, costringendo a chiudere più di 870 negozi. Avete visto il muro che taglia strade e quartieri che toglie terre ai villaggi che divide palestinesi da Palestinesi, che annette territorio fertile e acqua ad Israele, un muro considerato illegale dalla Corte Internazionale di giustizia. Avete visto al valico di Eretz i malati di cancro rimandati indietro per questioni di sicurezza, negli ultimi 19 mesi sono 283 le persone morte per mancanze di cure, avrebbero dovuto essere ricoverate negli ospedali all’estero, ma non sono stati fatti passare malgrado medici israeliani del gruppo Physician for Human Rights garantissero per loro. Avete sentito il freddo che penetra nelle ossa nelle notti gelide di Gaza perché non c’è riscaldamento, non c’è luce, o i bambini nati prematuri nell’ospedale di Shifa con i loro corpicini che vogliono vivere e bastano trenta minuti senza elettricità perché muoiano. Avete visto la paura e il terrore negli occhi dei bambini, i loro corpi spezzati. Certo anche quelli dei bambini di Sderot, la loro paura non è diversa, e anche i razzi uccidono ma almeno loro hanno dei rifugi dove andare e per fortuna non hanno mai visto palazzi sventrati o decine di cadaveri intorno a loro o aerei che li bombardano a tappeto. Basta un morto per dire no, ma anche le proporzioni contano: dal 2002 ad oggi per lanci di razzi di estremisti palestinesi sono state uccise 20 persone. Troppe, ma a Gaza nello stesso tempo sono stati distrutte migliaia e migliaia di case ed uccise più di tre mila persone tra loro centinaia di bambini che non tiravano razzi.
Dopo le manifestazioni di Milano dove sono state bruciate bandiere israeliane, voi dirigenti politici avete tutti manifestato indignazione, avete urlato la vostra condanna. Ne avete tutto il diritto. Io non brucio bandiere né israeliane né di altri paesi e penso che Israele abbia il diritto di esistere come uno Stato normale, uno stato per i suoi cittadini, con le frontiere del 1967, molto più ampie di quelle della partizione della Palestina decisa dalla Nazioni Unite del 1947. Avrei però voluto sentire la vostra indignazione e la vostra umanità e sentirvi urlare il dolore per tante morti e tanta distruzione, per tanta arroganza, per tanta disumanità, per tanta violazione del diritto internazionale e umanitario. Avrei voluto sentirvi dire ai governanti israeliani: cessate il fuoco, cessate l’assedio a Gaza, fermate la costruzione delle colonie in Cisgiordania, finitela con l’ occupazione militare, rispettate e applicate le risoluzioni delle Nazioni Unite, questo è il modo per togliere ogni spazio ai fondamentalismi e alle minacce contro Israele. Lo hanno detto migliaia di israeliani alla manifestazione a Tel Aviv: ci rifiutiamo di essere nemici, basta con l’occupazione, fermate il massacro. Dio mio in che mondo terribile viviamo!

La situazione di povertà crescente nella Striscia e le aggressioni continue delle forze di occupazione israeliane contro i contadini palestinesi - uccisioni, demolizioni di fattorie e di aziende agricole, sradicamento di alberi da frutto, invasione di prodotti israeliani sui mercati palestinesi, ecc. - appaiono tutte strategie volte ad affamare la popolazione per costringerla ad abbandonare ciò che resta della Palestina.

Mi sono fermato a riflettere come alle volte, per inseguire interessi personali, ci si dimentica di come il mondo va avanti e con il mondo vanno avanti dei crimini indescrivibili. Ciò che mi colpisce è l’indifferenza o il fastidio con cui accogliamo i crimini del presente e le immagini degli stessi che scorrono sui mass-media. Mi fa senso vedere persone che si commuovono nel ricordo dell’olocausto e delle sofferenze patite dagli Ebrei in epoca non lontana, rimanere perfettamente insensibili e indifferenti di fronte all’efferatezza che passa sotto i loro occhi. Alcune, meno insensibili, provano a cercare una giustificazione nell’estremismo di Hamas, come se quello d’Israele non fosse estremismo e terrorismo di Stato. L’unica grande differenza è che il primo è povero, rozzo, privo di mezzi e figlio della disperazione; il secondo, invece, è potente, sostenuto da grandi lobby internazionali, apparentemente più civile. Non basta indignarsi leggendo sui libri di storia ciò che è avvenuto nel passato, bisognerebbe tradurre quelle pagine nella realtà presente.
Spero che queste parole e queste immagini facciano cambiare idea a qualcuno, o almeno servano a proporci dei cambiamenti nella vita quotidiana, pensando di più ad un mondo dove non tutti hanno la nostra fortuna. Io, comunque, sto con gli Ebrei – e non sono pochi – che chiedono la fine dei bombardamenti indiscriminati perché non vogliono vivere nella paura e nella guerra, e con i Palestinesi, che hanno diritto ad una patria e ad un futuro di pace.
Le istituzioni internazionali, a partire dall’ONU, facciano urgentemente quanto è in loro potere per fermare il massacro.

Nessun commento:

Posta un commento

Stai per lasciare un commento? Lo leggerò volentieri ma ti chiedo per correttezza di firmarlo. In caso contrario sarò costretto a cestinarlo.
Ti ringrazio, Victor

Il miglior motore di ricerca